Raccolta foto
       

domenica, 27 marzo 2005

 

         
Home
Storia
Flora
Raccolta foto
Dove & Come
Quando
Commenti

 

 

 

Raccolta foto

Da queste foto si può avere un'idea della bellezza del luogo, ma nessuna foto potrà mai rendere giustizia al meraviglioso spettacolo che vi si offrirà dal vivo quando verrete da noi.

Foto di: Ernestina Russo

 
     
Parte della strada d'accesso che da Anacapri conduce all'Eremo L'ultima parte del sentiero che conduce all'Eremo Don Salvatore Vacca, rettore dell'Eremo fino al 1932.
 
 

Una vista dall'esterno dell'Eremo nel 1936

 

L'Eremo come si presenta oggi a chi varca il cancello d'ingresso

Particolare della maiolica posta sulla porta d'ingresso. Dono dell'artista Domenico Gentile
 
     
Entrando nella chiesa, in fondo - oltre la porta - si vedono le scale che portano al piano superiore. Voltandosi a destra, appena entrati, ci si trova di fronte all'altare principale L'altare principale dedicato alla Beata Vergine Maria. I due archetti ai lati dell'altare si congiungono dietro lo stesso conducendo alla sagrestia  

 

 

Un particolare dell'altare principale

 
     
La vista sui faraglioni che si vede dalla finestra della sagrestia. Uno degli spettacoli più belli che si possono vedere dall'Eremo, data la sua posizione, è veder sorgere il sole che illumina i Faraglioni e l'isola.  

 

 

Vista dell'altare principale uscendo dalla sagrestia

 

 

 

Uno dei pilastri centrali della chiesa

   
     
 

 

Il secondo altare, dedicato a San Domenico

 

 

Vista della chiesa dalla porta che conduce alla cucina e alle celle

Le scale che conducono alle celle ed alle terrazze del piano superiore. Superata la porta e voltando a destra si accede al refettorio ed alla cucina
 
     
 

 

Il refettorio visto dalle scale.            In fondo la cucina

Una particolare collezione di utensili da cucina. Tra questi c'è una vecchia caffettiera da più di venti tazze di caffè, donata da un fedele Ingresso alla cucina dal giardino antistante. Sul fondo a destra il forno delle pizze, a sinistra la vecchia cucina in muratura alimentata a legna
 
     
Il forno delle pizze a legna. Perfettamente funzionante. La cucina, invece ( che è di fronte e non si vede) è usata raramente, ad essa si preferisce l'uso di un più comodo fornellino a gas con tre fuochi, sistemato in un mobiletto in legno coordinato con la credenza Uno dei pozzi in cui vengono raccolte le acque piovane. Questo, pulito ogni anno, serve principalmente a raccogliere l'acqua destinata alla cucina e a bere. L'acqua viene prelevata tramite una pompa manuale. Sulla sinistra si può scorgere la credenza a muro. Sulla destra la porta che da sul giardino  

 

 

 

Una delle quattro celle al piano superiore

 
     
 

Il più bel terrazzino dell'Eremo: coperto da un pergolato di glicine.

 

La vista dal terrazzino del glicine: il Comune di Capri, fino a Monte Tiberio; Punta Campanella fino a scorgere la costiera amalfitana sulla destra  

Il Panorama che si può vedere dal terrazzo grande

 
     
 

Lo scorcio sui Faraglioni e Marina Piccola dal tetto della chiesa

 

Il viale d'ingresso visto dal l'alto del campanile

Il viale visto uscendo dalla Chiesa. Il giardino sulla sinistra era l'antico cimitero dell'Eremo
 
         
Il complesso dell'Eremo visto dall'alto

 

   
 

Home | Storia | Flora | Raccolta foto | Dove & Come | Quando | Commenti

Ultimo aggiornamento: 27-03-05